Provare primo passo per capire

Categoria: Attività Inclusiva Creato: Mercoledì, 11 Luglio 2018 Ultima modifica: Mercoledì, 11 Luglio 2018 Stampa Email

djokovicgiocainsediaarotelle

Durante un evento di beneficenza il campionissimo di tennis Novak Djokovic ha voluto dimostrare al mondo quanto il concetto di "disabilità" sia relativo. L'ex numero 1 del ranking mondiale ATP si è confrontato con l'oro paralimpico di Rio Dylan Alcott e, dopo aver iniziato la partita "normalmente", si è "messo alla pari" con Alcott sedendosi come lui su una speciale sedia a rotelle realizzata per praticare para-tennis e proseguendo così la partità, ribaltando le sorti della sfida e dando una grande lezione a tutti i presenti.

Percorsi in carrozzina all'Educamp

Il gesto del serbo rappresenta quello che è il primo passo per capire le difficoltà di un atleta, o una persona, con disabilità motoria: mettersi sullo stesso piano. Solo in questo modo si può capire che la disabilità fisica non è una malattia ma una condizione, e solo in questo modo si può partire per regionare strategie e attività inclusive, siano queste sportive o sociali.

Scherma a sport is life - foto Isabella Gandolfi Pics

In questi anni ho avuto modo di provare io stesso più volte questo principio, tentando di muovermi o fare scherma in carrozzina, oppure pattinando bendato. Se si "ascolta" con attenzione il proprio corpo è incredibile la quantità di sensazioni che si provano, così come è incredibile quello che si può capire partendo da queste esperienze. E, quando ho potuto, non mi sono mai tirato indietro dal far provare anche ai miei "allievi" tutto questo, sperando che questo portasse loro a confrontarsi in maniera diversa e matura rispetto alla disabilità, sperando che questo possa portare ad una società più attenta a questi temi. 

Corso CONI istruttori di base

Pin It
Visite: 644

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna